Giornale di Brescia
18 Marzo 2016
L'opera d Ilario Mutti a Motta di livenza
Archivio - Aprile 2015
Ilario Mutti "Espansione e Domani"
Area Blu - Aprile 2014
In scena "Futuro e Movimento"
Il Gazzettino Nuovo
10 Aprile 2014
Inaugurata la Mostra di Ilario Mutti
Area Blu - 4 Aprile 2014
"Futuro e Movimento", la Personale di Ilario Mutti
Reporter Mantova - 4 Aprile 2014
Palazzo Menghini - Personale di Ilario Mutti
Giornale di Brescia
27 Marzo 2104
Ilario Mutti da Castiglione alla Piazza di Montichiari
Il Gazzettino di Mantova
27 Marzo 2014
Apre la Mostra dello scultore Ilario Mutti
La Voce di Mantova
25 Marzo 2014
Futuro e Movimento
La Gazzetta di Mantova
20 marzo 2014
Futuro e Movimento di Mutti

Recensione di Giorgio Segato

 

Padova, Agosto 2000

La matrice formale di avvio della ricerca plastica di Ilario Mutti (Calvisano, Brescia 1949) é un verismo tendenzialmente espressionista, che manifesta particole attenzione, nella costruzione e modulazione dei gesti plastici, al manifestarsi e diventare dati di comunicazione, esplicita o implicita, e di partecipazione dei sentimenti, quelli profondi e quelli di emergenza frequente, vitalistica, che sommuovono lo spazio intorno; non solo nella sequenza dei Cavalli, così spesso citata, ma in tutta la sua figurazione, a partire dalla fine degli anno Ottanta (Toro abbattuto, Tentativo di volo), quando, ben maturato il rapporto con la figura e con il  materiale, e tralasciata l'osservanza rigida della misura classica, cominciò a innervarne la costruzione con inedite tensioni, con prolassi e disfacimenti, per poi tornare, negli anni Novanta, a un verismo emozionale più acquietato e contemplativo dei segreti esistenziali profondi, allungando le linee, dando ampio spazio a campi di luce levigati, inserendo il colore, anche patine diverse per differenti particolari (Ragazza, del 1993, Piera, del 1994), cercando più ardite architetture del corpo, non più - o non solo - nei suoi slanci vitali, ma nel quieto comporsi delle forme, nell'ascolto interiore, di cui l'articolazione del corpo diventa momento altamente espressivo della complessità e profondità, nel mutevole rapportarsi alla luce a allo spazio.

Donna sdraiata, Silvia, Luisa, Maria Rosa, mostrano l'acquisizione del modellato di una sempre più attenta adesione somatica e le capacità, nella manipolazione della materia in struttura, in gesto architettonico, di evidenziare aspetti intimistici e assolutamente peculiari della persona raffigurata, pur senza perdere o abbandonare il livello di ricerca e di invenzione plastica più alto, quello del corpo femminile come paradigma del generarsi e del vivere della forma in quanto armonia nel tempo e nello spazio.

 

Giorgio Segato